Siamo lontani dal mondo libero dall'AIDS che Vito Russo ha immaginato: Sconfiggeremo questa cazzo di malattia.

Sara Martínez 01/12/2020

“Quando le generazioni future ci chiederanno cosa abbiamo fatto in questa crisi, dovremo dire loro che siamo stati qui oggi. (...) E poi, dopo che avremo preso a calci in culo questa malattia, saremo tutti vivi per prendere a calci in culo questo sistema, in modo che questo non accada mai più”. Vito Russo stava morendo quando ha pronunciato questo discorso. Di fronte alla FDA (Food and Drug Administration), è diventato, ancora una volta, il volto visibile di una protesta che chiedeva all'agenzia di regolamentazione di accelerare i test e le sperimentazioni, affinché i farmaci anti-AIDS potessero raggiungere una comunità che non aveva più tempo. La storia di Vito, magistralmente raccontata nell'omonimo documentario diretto da Jeffrey Schwarz, è la storia di un attivista instancabile, ma anche il ritratto di un'epoca che dovrebbe farci arrossire, sia per l’eroismo dei protagonisti, sia per l’abiezione della situazione. Carismatico, gentile e intelligente, Russo amava essere al centro dell'attenzione. Lui stesso ha raccontato come si è sentito quando non è stato in grado di dire a un insegnante che era gay, come ha assistito alla rivolta di Stonewall senza essere coinvolto ("avevo paura, pensavo che fossero un gruppo di pazze che ci avrebbero messo nei guai"), come ha cambiato idea quando il raid è avvenuto in un bar che lui frequentava, e come ha reagito politicamente, diventando uno dei primi e più vociferanti membri della Gay Activist Alliance.

Gli anni '70 sono stati liberatori e tumultuosi. Le prime parate del Pride si sono svolte, la comunità LGBT ha alzato la voce per rivendicare i diritti che le erano stati sottratti, il movimento si è diviso a causa delle dispute interne. Chi è stato più discriminato? I gay bianchi hanno preso l'iniziativa, a capo di un collettivo che ha tenuto le donne, i neri e i transessuali in fondo alla scala. La differenza tra le classi e tra i mezzi disponibili era così schiacciante come lo è oggi, le ingiustizie e i privilegi insiti nel sistema si sono accumulati. Ogni fazione ha percorso la propria strada con maggiore o minore fortuna. Russo ha trascorso gran parte del decennio a lavorare sull'attivismo culturale, creando “Lo Schermo Velato” (“The Celluloid Closet”), un libro vitale per capire come l'industria cinematografica ha affrontato l'omosessualità fin dalla sua nascita.

L'uguaglianza dei diritti è stata tutt'altro che efficace, ma è stata raggiunta una sorta di libertà sessuale. Almeno non dovevano più aspettare la notte per cercare altri corpi nei camion puzzolenti che trasportavano la carne durante il giorno. Meglio poco che niente... E all'improvviso, la gente ha cominciato ad ammalarsi. Colpiti dai sintomi della polmonite e con il corpo coperto di piaghe e macchie causate dal sarcoma di Kaposi. Le morti hanno scatenato l'isteria e il panico. Ma non morivano le persone “per bene”, morivano gli omosessuali, i drogati e le prostitute, ecco perché l'amministrazione Reagan non ha alzato un dito. Il governo non è intervenuto, non ha stanziato fondi per la ricerca, non ne ha nemmeno parlato. I media (certo, la lodevole stampa americana…) hanno contribuito in modo massiccio al sensazionalismo più scandalistico, diffondendo l'idea del "cancro gay" e stigmatizzando la comunità omosessuale. Molti sono morti senza cure mediche, respinti dagli ospedali e dai loro parenti, licenziati dal lavoro ed espulsi dalle loro case, condannati a causa di due piaghe: una malattia senza nome e le voci secondo cui era possibile contagiarsi con una semplice stretta di mano, oppure condividendo la stessa aria di una persona infetta.

Quando finalmente, Reagan ha pronunciato la parola “AIDS” in un discorso per la prima volta, più di 25.000 persone erano già morte. Russo è tornato all’attivismo di strada, essendo uno degli otto fondatori della GLAAD (Gay and Lesbian Alliance Against Defamation) e dell’Act Up, una coalizione per rendere visibile l'AIDS e promuovere la ricerca e l'assistenza ai malati. "Dire alla gente che hai l'AIDS è come uscire allo scoperto, più la gente lo fa, più la gente capirà qual è il problema”. Forse l'immagine che più illustra la sua lotta non è quella del Vito indebolito ed emaciato che, su una piattaforma, grida contro le autorità per chiedere farmaci rapidi e a prezzi accessibili, ma quella di un Russo in pantaloncini, con le gambe piene di quelle che alcuni consideravano le macchie della vergogna, quando l'unica vergogna era attribuibile a chi, con una smorfia di indifferenza o di schifo, decideva di guardare dall'altra parte e di fare finta di non vedere.

Abbiamo rilevato che stai navigando sul sito EroticFeel da Stati Uniti e abbiamo un sito web specifico per quel paese. Tramite questa versione del sito web non possiamo spedire in Stati Uniti, allora se vuoi fare un acquisto, dovrai cambiare versione. Vuoi continuare a navigare su EroticFeel o vuoi essere rimandato al sito web di Stati Uniti?