Womanizer

Ma com'è possibile? L'universo ha 15 miliardi di anni (guarda com’è cresciuto) ed è passato appena un decennio da quando le donne hanno potuto godere di un giocattolo che stimolasse esclusivamente il clitoride per la prima volta. E dopo tanto tempo, chi sono stati gli inventori del gadget che ha rivoluzionato la sessualità femminile? No. Non sono stati Galileo, Tesla o Steve Jobs (anche se c'è chi raggiunge l'orgasmo con ogni nuovo modello di iPhone), sono stati Michael e Brigitte Lenke, una coppia bavarese con cui cercheremo di metterti in contatto più tardi (stiamo cercando il loro numero di telefono sulle pagine gialle) perché tu possa ringraziarli personalmente. Oggi, il loro brand, Womanizer, ha più di una decina di succhia clitoride che deliziano le donne più esigenti.

Lo sappiamo, se Walt potesse vedere la situazione attuale si rivolterebbe nella sua tomba (e sì, sembra che l'emancipazione femminile non fosse il suo punto di forza...), ma se mai il suo corpo fosse scongelato e lui tornasse agli studi cinematografici, dovrebbe accettarlo e accontentarsi, per forza. Le principesse non sono più giovani donne sottomesse e puritane, in attesa di un giovane uomo che le salvi, ora sono guerriere, donne lavoratrici che escono dai guai da sole. Biancaneve si sarebbe iscritta al college, e avrebbe smesso di pulire senza sosta per un gruppo di vecchietti che non sapevano nemmeno friggere un uovo, si sarebbe iscritta a corsi di autodifesa e avrebbe comprato uno spray al pepe da portare nella sua borsetta. E non è tutto, non finisce lì, la Bella Addormentata nel bosco avrebbe denunciato il principe bavoso per molestie sessuali (ma dai... chi vorrebbe svegliarsi con la lingua di Alberto di Monaco, Carlo d'Inghilterra o il Principe di Zamunda nell’ugola?). Le storie, come i giocattoli sessuali, cambiano con i tempi. La cosa strana è che abbiamo dovuto aspettare così a lungo perché l'industria colpisse nel segno. Ma com'è possibile? L'universo ha 15 miliardi di anni (guarda com’è cresciuto) ed è passato appena un decennio da quando le donne hanno potuto godere di un giocattolo che stimolasse esclusivamente il clitoride per la prima volta. E dopo tanto tempo, chi sono stati gli inventori del gadget che ha rivoluzionato la sessualità femminile? No. Non sono stati Galileo, Tesla o Steve Jobs (anche se c'è chi raggiunge l'orgasmo con ogni nuovo modello di iPhone), sono stati Michael e Brigitte Lenke, una coppia bavarese con cui cercheremo di metterti in contatto più tardi (stiamo cercando il loro numero di telefono sulle pagine gialle) perché tu possa ringraziarli personalmente.

“Sono stato un inventore per tutta la vita, ma creare un giocattolo sessuale è stata una coincidenza. Nel 2012 ho letto che il 50% delle donne avevano problemi a raggiungere l'orgasmo. Questa informazione ha attirato la mia attenzione e mi sono chiesto perché. Dopo aver fatto qualche ricerca, mi sono reso conto che non c'erano state innovazioni nell'industria dei giocattoli sessuali da quasi cento anni", ha detto Michael al giornale Huffington Post. Insomma, tantissimi falli, sì, ma né carne né pesce. Non ci sarebbe riuscito senza la moglie, è stata lei a testare i diversi prototipi, e le sue recensioni e consigli l’hanno guidato sulla strada giusta fino al momento in cui, 18 mesi dopo l’inizio, cioè, già nel 2014, lei gli ha detto "questo sarà un successo mondiale". Ecco com’è nato Womanizer, il primo succhia clitoride a essere commercializzato e anche il nome della marca che da allora in poi non ha smesso di crescere.

Il segreto non è nella salsa o nei pomodori verdi fritti, il segreto è nel clitoride, l’unico organo dell’anatomia umana che serve solo a dare piacere. Dotato di oltre 8.000 terminazioni nervose, il doppio di quante si trovano nel glande del pene, il clitoride è stato sottovalutato, denigrato e dimenticato nel corso della storia, forse (supponiamo) perché esiste solo nel corpo della donna e non ha alcun ruolo nella riproduzione. Non hai bisogno di un partner per raggiungere l'estasi, non hai bisogno di un uomo, né di un pene, nemmeno di un giocattolo sessuale a forma fallica. Il segreto del primo succhia clitoride era una valvola di risucchio o aspirazione dell'aria, brevettata sotto il nome di Pleasure Air Technology, che stimolava il clitoride senza contatto.

Da quel primo modello che è stato lanciato sul mercato nel 2014, Womanizer non ha abbandonato la sua ricerca allo scopo di migliorare sempre la sua tecnologia. Così, la marca ha più di una decina di prodotti progettati allo scopo di dare piacere a tutte le donne, senza imbrogli, senza pregiudizi, senza paura. Ama te stessa, fallo da sola e fallo più spesso, ecco l'idea. Dedica tempo a te stessa, a conoscerti e a godere alla grande. Allora ricordalo sempre, le principesse moderne, con o senza compagnia, mangiano quando hanno fame. Capito?

Silenziosi, intensi, immergibili, i succhia clitoride Womanizer sono tutto ciò che ti serve

Dopo l’invenzione del primo succhia clitoride sul mercato, la tecnologia utilizzata dal brand Womanizer ha fatto passi da gigante in pochi anni. Niente di quello che hai provato finora gli assomiglia. La marca è riuscita a trovare il perfetto equilibrio tra i cambi d'aria vibratori e i massaggi senza toccare il clitoride, per stimolarlo completamente ma senza causare una sovrastimolazione che potrebbe essere fastidiosa o invasiva. Affinché tu possa abbandonarti al piacere senza distrazioni, questi giocattoli sono anche dotati di una modalità “autopilota”, quindi, non avrai bisogno di regolare manualmente la velocità e l’intensità, lasciati sorprendere. Non sarai delusa. Inoltre, grazie a un sensore altamente sensibile, il Womanizer si attiva solo quando viene a contatto con la pelle. Fino a quel momento, il dispositivo sarà in sospensione e tornerà nella stessa modalità non appena venga separato dal corpo.

Impermeabili e immergibili, per poter goderseli sia durante un bagno rilassante a fine giornata o mentre si fa una doccia veloce e rivitalizzante, i diversi modelli Womanizer sono caratterizzati da un design elegante e moderno, senza fronzoli. Sono tutti dotati di diversi livelli di intensità di suzione o risucchio, affinché tu possa trovare quello più adatto ai tuoi gusti ed esigenze. E dato che non ci sono due clitoridi uguali, la maggior parte degli articoli del brand vengono forniti con due testine di dimensioni diverse, per garantire che tutte le donne possano godere delle dimensioni più adatte al loro corpo.

Campagna #IMasturbate in collaborazione con Lily Allen

Gli uomini si masturbano tre volte di più delle donne, è una statistica casuale? No, affatto. Ecco cosa mostrano i risultati dell'indagine globale condotta da Womanizer sulle abitudini sessuali: Il divario uomo-donna-masturbazione è oggi del 68%. Vediamo cosa succede in Italia. Secondo il sondaggio condotto dalla ditta tedesca, in media, gli uomini si masturbano 126 volte all’anno. Invece, le donne italiane lo fanno 56 volte l’anno. Un’altra informazione sorprendente: Il 37% delle donne al mondo non si masturba. Il 38% se parliamo solo dell’Italia. Per tutto questo, Womanizer ha lanciato l’iniziativa #IMasturbate in collaborazione con la cantautrice Lily Allen.

La masturbazione è qualcosa di positivo e migliora sia lo stato fisico che quello mentale. Incoraggiare a prendere il controllo del proprio piacere e del proprio corpo, a conoscersi meglio, a godere da soli senza sentirsi in colpa, a imparare a godere del proprio corpo e ad amare sé stessi, a normalizzare la masturbazione femminile..., ecco lo scopo di questa campagna. Inoltre, Allen ha progettato un piccolo e vistoso succhia clitoride per l’azienda Womanizer, un giocattolo che renderà il compito molto facile.

Non c'è noia se hai uno di questi succhia clitoride, solo milioni di orgasmi a disposizione.

Abbiamo rilevato che stai navigando sul sito EroticFeel da Stati Uniti e abbiamo un sito web specifico per quel paese. Tramite questa versione del sito web non possiamo spedire in Stati Uniti, allora se vuoi fare un acquisto, dovrai cambiare versione. Vuoi continuare a navigare su EroticFeel o vuoi essere rimandato al sito web di Stati Uniti?